Registrare un dominio, il primo passo per un sito

Nel mondo di internet il dominio ha la stessa funzione di un indirizzo. Se abbiamo bisogno di fornire il nome della strada e il numero civico della nostra casa, così dobbiamo fornire il dominio e l’estensione del nostro sito web se vogliamo che un utente possa trovarci: è l’indirizzo univoco, nello spazio infinito di internet, attraverso il quale è possibile trovare e quindi visitare un sito web.

Com’è strutturato un dominio web?

Se vogliamo capire meglio cos’è un dominio dobbiamo capirne la struttura. Analizziamo un generico dominio www.aaa.com: www. Identifica il suffisso utilizzato per qualsiasi sito web; aaa invece è detto dominio di secondo livello e identifica spesso un’azienda, una persona, un servizio, un brand; il .com invece è la parte di dominio che identifica un dominio di primo livello. È possibile avere più sottolivelli: ad esempio il sito www.bb.aaa.com  oppure il sito www.c.bb.aaa.com, rappresentano siti di secondo e terzo livello.

Come si registra un dominio?

Essendo il dominio univoco va scelto con molta attenzione, soprattutto tenendo conto della funzionalità del sito web: se si tratta di un azienda è utile inserire il nome o l’acronimo, se è un privato che offre servizi meglio specificare quale, etc. Registrare un dominio è semplice e ha una validità di un anno, rinnovabile. Il costo varia in base all’estensione, che identifica generalmente la regione del mondo dove i portali di ricerca faranno comparire il sito web: .com, .org, .it, .fr etc sono solo alcune delle possibili estensioni.