Il Programma di esenzione da visto mostra risultati positivi nei livelli di sforo del periodo

All’inizio di questo mese, il Dipartimento della Sicurezza Interna ha pubblicato il suo rapporto annuale sugli sfori del periodo tra entrata e uscita. Il rapporto fornisce indicazioni sul numero di visitatori durante l’anno legale che hanno soggiornato negli Stati Uniti oltre la durata del visto o dell’ESTA. Tra le altre cose, questo è un indicatore chiave per il successo del Programma di esenzione da visto e può fornire alcune linee guida su come migliorare il sistema nel suo complesso.

A tale proposito, analizzando il “tasso di sfori” per ciascun paese, gli Stati Uniti possono determinare quali paesi rappresentano rischi più o meno alti che i loro cittadini soggiornino negli USA illegalmente dopo l’arrivo. È anche possibile confrontare queste cifre con gli anni precedenti e valutare l’andamento generale nel tempo. Essenzialmente, per i paesi membri del Programma di esenzione da visto, questo è un modo in cui il Dipartimento della Sicurezza Interna può valutare la loro adesione al Programma di esenzione da visto. Per i paesi non membri del programma, fornisce statistiche che potrebbero portare alla loro considerazione per l’inclusione nel programma; per esempio, se un paese ha costantemente tassi di sforo inferiori al 2%, questo è uno dei criteri per essere accettato nel programma.

Quindi, come viene misurato il tasso di sfori? In breve, uno sforo è considerato come un non-immigrato che è entrato legalmente negli Stati Uniti per un determinato periodo autorizzato, concesso a lui/lei attraverso un visto o un’esenzione da visto. Questo periodo può essere un determinato periodo di tempo, ad esempio il periodo di 90 giorni ESTA USA, o per tutto il tempo necessario per completare un’attività, ad esempio il tempo necessario per seguire un corso di laurea. Vi è anche la differenza tecnica tra sfori nel paese e sfori all’estero; il primo si riferisce a individui che hanno superato il loro periodo di tempo autorizzato negli Stati Uniti e si sospetta che si trovino ancora nel paese; il secondo indica coloro i quali hanno superato il loro periodo autorizzato nel paese ma hanno lasciato il paese. In generale, le cifre che stiamo esaminando qui considerano in modo aggregato entrambi i tipi di sfori.

Diamo un’occhiata ai numeri. Per l’anno legale 2017, ci sono state 22.472.710 partenze previste di persone che sono entrate negli Stati Uniti nell’ambito del Programma di esenzione da visto. Lo 0,58% di questi visitatori è rimasto oltre il periodo. In altre parole, ciò dimostra che il 99,42% delle persone che sono entrate negli Stati Uniti con l’ESTA nell’anno legale 2017 sono partite entro 90 giorni. Una cifra impressionante e un segno che il Programma di esenzione da visto sta adempiendo con successo al suo ruolo. Il tasso totale di sfori, inclusi gli sfori dei visti e quelli delle esenzioni da visto, è stato dell’1,33%. Nel 2016 questo dato era 1,25%, il che, nonostante in proporzione rappresentasse un aumento, in realtà si trattava di una riduzione del numero totale, da 739.000 a 701.900.

In altre parole, ciò dimostra che il Programma di esenzione da visto comporta rischi di sforo inferiori rispetto ai visti tradizionali. E, in effetti, questo è uno dei motivi per cui alcuni paesi possono essere membri del programma. Allo stato attuale, 38 paesi sono membri del Programma di esenzione da visto e tutti hanno soddisfatto i criteri di accettazione molto stringenti. Ad esempio, oltre ad avere un basso tasso di sforo dei visti, i paesi candidati devono anche mostrare particolari livelli di PIL, standard sui diritti umani, rispetto della legge sull’immigrazione degli Stati Uniti e altro ancora. Essenzialmente, il programma mira ad attirare paesi “ad alto valore e basso rischio”. Tutte queste cifre vengono monitorate su base continuativa e l’appartenenza al Programma di esenzione da visto non è affatto permanente; infatti, durante la crisi finanziaria del 2001 in Argentina e Uruguay, entrambi i paesi sono stati rimossi dal programma a causa del timore che ciò avrebbe comportato un aumento dell’immigrazione clandestina negli Stati Uniti.

Gran parte dei dati raccolti nel rapporto sugli sfori è stata particolarmente migliorata e consolidata negli ultimi anni. Al fine di promuovere la sicurezza nazionale, la sicurezza pubblica e l’applicazione della legge sull’immigrazione, questo rapporto è uno strumento importante per monitorare, analizzare e prevedere le tendenze. Sulla base della grande quantità di dati di entrate e uscite dettagliati nel rapporto, il paese può progettare e sviluppare nuovi modi per rafforzare il rispetto di visti/ESTA e per tracciare e arginare gli sfori.

Una delle principali misure esplorate per migliorare la sicurezza dei viaggi e in generale tenere traccia degli sfori negli Stati Uniti è l’uso della biometria. Nei prossimi anni, possiamo aspettarci di vedere i nostri dati biometrici sempre più utilizzati nell’ambito del viaggio. Sono già stati condotti test pilota per testare nuove tecniche di screening biometrico negli aeroporti statunitensi, incluso un investimento da 1 miliardo di dollari per implementare un programma di uscita biometrica. Potenzialmente, questo potrebbe comportare che i richiedenti ESTA debbano fornire dettagli biometrici in anticipo, per esempio le loro impronte digitali. Ciò implicherebbe che i richiedenti debbano recarsi presso un’ambasciata o un consolato degli Stati Uniti prima di richiedere l’ESTA online, il che aggiungerebbe un significativo passo in più a ciò che è attualmente un processo semplice. Ciononostante, sarebbe indubbiamente utile per rafforzare la sicurezza negli Stati Uniti.

Questo rapporto dimostra che le precauzioni per prevenire gli sfori stanno funzionando in modo efficace, il che è estremamente positivo per il settore dei viaggi e per i paesi membri del Programma di esenzione da visto. Ma cosa significa per i singoli viaggiatori?

Questi dati sugli sfori sono focalizzati sul livello macro, ma è importante che i singoli viaggiatori comprendano le conseguenze di rimanere negli Stati Uniti oltre il loro limite di tempo autorizzato. In particolare per i possessori di ESTA, questo è di 90 giorni. A tale riguardo, è importante capire come funziona questo limite di 90 giorni, per assicurarsi di non violare accidentalmente le condizioni del Programma di esenzione da visto. Il limite di 90 giorni inizia non appena arrivi negli Stati Uniti, non quando ricevi l’autorizzazione ESTA. Non appena esci dagli Stati Uniti, questo orologio riparte da zero; tuttavia, questo non avviene se, all’interno del tuo viaggio, ti rechi in Canada, Messico, Bermuda o nelle isole dei Caraibi; in questi casi l’orologio di 90 giorni continua a scorrere. Per quanto riguarda la tua ESTA, questa autorizzazione è valida per due anni dal momento in cui hai ottenuto l’approvazione o fino alla scadenza del tuo passaporto (a seconda dell’evento che si verifica per primo). Ciò significa che, entro questo periodo di due anni, puoi effettuare quanti viaggi vuoi negli Stati Uniti nell’ambito del Programma di esenzione da visto, a condizione che nessun viaggio duri più di 90 giorni e che viaggi sempre rispettando le condizioni del programma.

Un altro aspetto chiave della validità dell’ESTA è che l’autorizzazione deve essere valida solo quando arrivi negli Stati Uniti. Vale a dire, se la tua ESTA scade un paio di giorni dopo il tuo arrivo, questo è perfettamente valido e il limite di 90 giorni di permanenza è comunque valido. Invece, se superi il limite di 90 giorni del tuo viaggio e quindi contribuisci alle statistiche sugli sfori di questo rapporto annuale, stai violando le condizioni del Programma di esenzione da visto. Non avrai problemi a lasciare il paese, ma probabilmente ti troverai ad affrontare problemi se tenti di tornare negli Stati Uniti o quando farai una nuova richiesta di ESTA. Per questo motivo, è fortemente consigliabile non superare il limite di 90 giorni dell’ESTA.

Se esiste la possibilità che tu debba rimanere negli Stati Uniti per più di 90 giorni, la soluzione migliore è quella di richiedere il visto corrispondente anziché l’ESTA. Un visto turistico per gli Stati Uniti dura fino a sei mesi e ti eviterà di incorrere in eventuali problemi di violazione delle condizioni del Programma di esenzione da visto.

La buona notizia che arriva con questo rapporto è che il Programma di esenzione da visto sta funzionando in modo efficace e che la stragrande maggioranza dei viaggiatori lo utilizza correttamente e ne rispetta le condizioni. Ciò significa che l’ESTA continua a essere uno strumento forte e affidabile per consentire ai cittadini dei paesi membri del Programma di esenzione da visto di visitare gli Stati Uniti. Richiedere l’ESTA è un processo incredibilmente semplice e richiede solo dieci minuti per essere completato. Tutto il processo avviene online: ti viene chiesto di completare un modulo con i tuoi dati personali, le informazioni sul tuo passaporto e di rispondere a una piccola serie di domande. Dopo aver inviato la tua domanda online per l’ESTA, entro 24 ore riceverai un’email che ti informa sullo stato di approvazione. Non appena ricevi questa e-mail che ti informa se il tuo ESTA è stato approvato, puoi subito recarti negli Stati Uniti per turismo o lavoro.

L’estate non è ancora finita! Con migliaia di incredibili destinazioni e attività turistiche per tutti i gusti, richiedi oggi l’ESTA online e inizia a pianificare la tua avventura americana.